ComplessitĂ  e PoliticaComplexity ManagementConvegniEventiNewsOrganizzazioni

B-Corp & Terzo Settore – Nuovi orizzonti imprenditoriali per ricostruire il capitale sociale

B-CORP & TERZO SETTORE

NUOVI ORIZZONTI IMPRENDITORIALI
PER RICOSTRUIRE IL CAPITALE SOCIALE

Questo il tema dell’incontro organizzato dal Complexity Institute APS per il giorno 5 marzo 2016 a TORINO, presso la Sala Madre Nasi del Cottolengo – Via San Pietro in Vincoli n. 9
Orario: 09.45/13.00 e 14.00/17.30

Un dialogo tra politici, imprenditori, ricercatori e professionisti per comprendere insieme quali siano i migliori percorsi e le migliori pratiche da adottare per sviluppare una integrazione ed una sinergia tra le attivitĂ  profit e le attivitĂ  no-profit.

E’ possibile immaginare delle forme imprenditoriali “Miste” che consentano la coesistenza vantaggiosa del Business e del Benefit?

Dialogheranno con Marinella De Simone e Dario Simoncini del Complexity Institute:

– i Sen. Mauro Del Barba e Stefano Lepri, l’On. Silvia Fregolent, il Consigliere della Regione Piemonte Mario Giaccone

– gli imprenditori Francesco Bianco, Francesco Mondora e Davide Minelli

– gli esperti e professionisti Maurizio Grifoni, Aurelio Riccioli e Paolo Zanenga

SCARICA LA LOCANDINA DELL’EVENTO!

B-Corp-Torino

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

ore 9.45/10.00 – Apertura e presentazione della prima sessione di lavoro
Marinella De Simone – Presidente del Complexity Institute
ore 10.00/10.20 – Ideare e compiere “opere d’impresa” in un ecosistema di business
Dario Simoncini – Docente di Organizzazione Aziendale – DEA – UniversitĂ  D’Annunzio
ore 10.20/11.00 – “Disposizioni per la diffusione di societĂ  che perseguono il duplice scopo di lucro e di beneficio comune” – Commi 376-384 Legge di StabilitĂ  2016
Sen. Mauro Del Barba – Senatore PD, Primo firmatario del provvedimento
On. Silvia Fregolent – Parlamentare PD, Camera dei Deputati
ore 11.00/11.20 – B-Corporation: una tappa verso una visione multidimensionale dell’impresa e dell’economia
Aurelio Riccioli – Istituto Italiano per la Tripartizione – Trieste
ore 11.20/13.00 – Lo spazio del dialogo: domande e risposte per la comprensione
Si uniscono per il dialogo: Francesco Bianco (Partner Molecola Trinca Srl – in attesa di conferma definitiva), Francesco Mondora (CEO Mondora.com)

ORE 13.00/14.00 PAUSA PRANZO

ore 14.00 – 14.20 – Presentazione della seconda sessione di lavoro
Dario Simoncini – Vice-Presidente del Complexity Institute
ore 14.20 – 15.00 – Ddl delega sul Terzo Settore e Imprese Sociali
Sen. Stefano Lepri – Vice Presidente gruppo PD al Senato, Relatore del Provvedimento
ore 15.00 – 15.20 – La convergenza possibile di valore sociale e valore finanziario nelle reti
Paolo Zanenga – Presidente Diotima Society – Milano
ore 15.20 – 16.40 – Lo spazio del dialogo: domande e risposte per la comprensione
Si uniscono per il dialogo: Maurizio Grifoni (Presidente Fondo Previdenza Settore Terziario) e Davide Minelli (Director TechSoup Italia – SocialTechno Impresa Sociale Srl)
ore 16.40 – 17.00 – Possibili vantaggi delle forme imprenditoriali miste per il territorio
Mario Giaccone – Consigliere Regionale del Piemonte
ore 17.00 – Conclusioni: sintesi e prospettive di indagine
Marinella De Simone – Presidente del Complexity Institute


L’EVENTO E’ GRATUITO

Per partecipare è obbligatoria l’iscrizione in Eventbrite:

Eventbrite - B-CORP & TERZO SETTORE Nuovi orizzonti imprenditoriali e capitale sociale

Si raccomanda di portare con sé il biglietto d’ingresso senza il quale non si potrà accedere in Sala Nasi.

Chi desidera pranzare presso la mensa del Cottolengo (10 Euro a persona) dovrĂ  prenotarsi entro e non oltre il 02 marzo scrivendo a: info@complexityinstitute.it

Chi desidera potrĂ  lasciare un contributo volontario in un raccoglitore posto in entrata :-)

Per qualsiasi informazione si prega di scrivere a: info@complexityinstitute.it


UN DIALOGO GENERATIVO A PIU’ VOCI PER COMPRENDERE INSIEME QUALI SIANO LE MIGLIORI PRATICHE DA SVILUPPARE

Non abbiamo bisogno di inventare comunità umane sostenibili partendo dal nulla, ma possiamo (ed abbiamo il dovere) di modellarle a partire dagli ecosistemi. Poiché la caratteristica più straordinaria dell’organizzazione della Terra è la sua intrinseca capacità di sostenere la vita, una comunità umana sostenibile va progettata in modo che i suoi modi di vita e di lavoro, l’economia, le strutture fisiche e tecnologiche non interferiscano con la capacità intrinseca della natura di sostenere la vita.
(F. Capra e P.L.Luisi, Vita e Natura, Aboca, 2014)

Thanks for partecipating with your comments!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.