Complexity Literacy Synapses: le connessioni tra i libri del Complexity Literacy Meeting 2015

1

Questo terzo post completa la prima serie di articoli pubblicati a proposito del Complexity Literacy Network 2015, sperimentazione sulle connessioni emergenti tra i libri, curata da Massimo Conte.
I partecipanti del Complexity Literacy Meeting 2015 hanno contribuito attivamente alla “creazione” di meta-conoscenza sui libri esposti durante il Meeting.

In particolare, per ogni testo presentato hanno indicato:

  • tre keyword che ritenevano collegate –> Complexity Literacy Keywords;
  • tre libri che ritenevano analoghi sull’argomento, creando una vasta rete bibliografica –> Complexity Literacy References;
  • e infine hanno specificato a quali altri tre libri, tra quelli presentati al Literacy Meeting, ritenevano fosse collegato tale testo; è stata così creata una rete interna di collegamenti. Di seguito saranno analizzati i dati relativi a quest’ultima dimensione.

I dati ottenuti dalle risposte su questo terzo aspetto hanno consentito la realizzazione della rete Complexity Literacy Synapses, con le connessioni interne tra i 16 libri presentati.

Nella Matrice troviamo in riga i libri presentati nel Meeting, e in colonna i libri che sono ritenuti collegati ai primi. Per accedere al grafico interattivo, è sufficiente fare clic sull’immagine.

2
Per ogni riga, i partecipanti hanno espresso tre scelte, che sono state pesate:

  • 1° scelta = 3 punti;
  • 2° scelta = 2 punti;
  • 3° scelta = 1 punto.

I valori riportati nella tabella sono la somma dei voti espressi dai partecipanti del Literacy Meeting.

Analizzandola, scopriamo che i libri maggiormente connessi sono:

Ulteriori connessioni estremamente interessanti emergono dalle posizioni successive:

Passando al secondo grafico (per accedere al grafico interattivo, fare clic sull’immagine), si può visualizzare per ognuno dei 16 libri qual è la composizione dei voti ricevuti.

3

I libri che hanno ricevuto complessivamente più voti, e che sono quindi maggiormente connessi con gli altri 15 di questa rete del Complexity Literacy Meeting, sono:

  • Von Foerster, “SISTEMI CHE OSSERVANO”;
  • Laloux, “REINVENTING ORGANIZATIONS”.

Infine il terzo grafico (per accedere al grafico interattivo, fare clic sull’immagine) consente di visualizzare ancora più in dettaglio la composizione qualitativa dei voti ricevuti da ogni titolo.

4

Si può così scoprire che i libri maggiormente connessi con gli altri 15 libri della rete sono:

Dal confronto con il precedente istogramma, emerge ad esempio che Laloux, “REINVENTING ORGANIZATIONS”, pur avendo ricevuto un più basso numero di connessioni (soltanto 10), è tra quelli con più voti: è risultato cioè fortemente connesso, ma ad un numero ristretto di libri.
Al contrario, Hofstadter, “SUPERFICI ED ESSENZE”, pur non essendo tra i libri che hanno ricevuto più voti in assoluto, risulta però tra i più collegati (12 connessioni).

Non a caso, i due titoli che sono risultati maggiormente connessi con gli altri testi presentati sono Von Foerster e Hofstadter: due classici della complessità, eterogenei e trasversali agli argomenti trattati nel Complexity Literacy 2015.

Fai clic qui per visualizzare tutti i post relativi al Complexity Literacy Meeting 2015


per informazioni:
info@complexityinstitute.it
franciscovarelaproject@gmail.com

%d bloggers like this: