Complessità al Museo Macro di Roma

Complessità
#10 Lezioni


Il Complexity Institute partecipa a “Complessità – Dieci lezioni per il Dizionario del Macro Asilo”

A partire dal 12 maggio 2019, presso il Museo Macro di Roma, avrà inizio il ciclo di 10 incontri organizzati dal Complexity Education Project, nella cornice del Festival della Complessità.
Dieci eventi in cui esperti esploreranno insieme al pubblico i concetti chiave legati alla parola “complessità”: il pensiero sistemico e l’analisi delle reti sociali applicate all’arte e al design, all’urbanistica e alla data visualization, senza trascurare gli aspetti più innovativi che riguardano l’applicazione del paradigma cognitivo complesso al management e al machine learning, alle fake news e alla politica, ai problemi di conflitto fra trasparenza e diritto alla privacy, per finire con il rapporto tra tecnologia e cultura.

Il Complexity Institute interviene sabato 18 maggio con due interventi:

Alle ore 17, con Marinella De Simone si terrà la lezione #5, sul tema:

“Lineare e non lineare”

Parole chiave: imprevedibilità – concause – effetti – non lineare – rete

L’incontro parte da una premessa metodologica, che farà da ordito al percorso sinuoso che svolgeremo insieme ai presenti nel pomeriggio (anche nell’incontro successivo condotto da Dario Simoncini): la distinzione tra parola intesa come strumento utile a designare qualcosa – e che chiameremo termine – e parola intesa nel suo senso relazionale – e che chiameremo parola autentica. Le parole intese come termini sono denotative e quindi mere cristallizzazioni, mentre le parole intese come relazioni sono costitutive, e quindi vive. Questa distinzione trasforma, grazie alla partecipazione dei presenti, il significato delle parole-chiave indicate per l’incontro.

Questa premessa ci aiuterà, partendo dai termini che analizzeremo come definizioni di lineare e non lineare, cause ed effetti, imprevedibilità e reti, a intessere il tessuto dei significati attraverso un incontro dialogico con i presenti. Lo scopo: vivere l’esperienza del confronto tra parola lineare e parola non lineare – e dei loro imprevedibili effetti.

Alle ore 18, con Dario Simoncini si terrà la lezione #6, sul tema:

“La gestione dei problemi complessi”

Parole chiave: pattern, innesco, contesto, feed back loop, presupposto

Le parole sono vive perché per ognuno di noi assumono un senso ed un peso specifico. Il senso non ha un valore in sé ma solo quando emerge dall’intreccio di un sistema di fatti e di eventi tra loro connessi e interdipendenti. Il senso è la manifestazione del riconoscimento di una forma che caratterizza ogni situazione da noi vissuta quotidianamente. Attraverso un dialogo con i partecipanti proveremo a tracciare un percorso che, facendo riferimento ad alcune parole – quali ad esempio pattern, innesco, contesto, feedback loop, presupposto – permetta ad ognuno di individuare il proprio modo di generare senso per comprendere la complessità del contesto attraverso un’analisi delle differenze.

Dove:

Museo Macro (Via Nizza 138), presso la Stanza delle Parole, spazio dedicato alla discussione dei termini del contemporaneo. Gli eventi sono ad accesso libero, è consigliata la prenotazione dei biglietti gratuiti per limiti di capienza.

Museo Macro

Questo evento è all’interno della X edizione del Festival della Complessità

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d bloggers like this: