Il Comitato Scientifico

cropped-Logo-CI-rettangolo-646x220.jpg

Il COMITATO SCIENTIFICO DEL COMPLEXITY INSTITUTE

Il Comitato Scientifico, così come stabilito dallo Statuto dell’Associazione: “dovrà essere composto da persone, sia italiane che straniere, di riconosciuta competenza in campo accademico, formativo e professionale nelle aree disciplinari attinenti gli scopi sociali”. Il Comitato Scientifico è diretto dal Presidente del Complexity Institute, Marinella De Simone.

Il Complexity Institute è onorato di annunciare che, per il triennio 2015-2017, sono Membri del Comitato Scientifico:

A tutti loro va la nostra gratitudine per aver accettato con entusiasmo di far parte della rete che si sta manifestando lungo il cammino che stiamo percorrendo insieme, accomunati dalla stessa passione, la conoscenza complessa, e dalla stessa visione, la possibilità di generare qualcosa di nuovo.

Vediamo così la nostra speranza sorgere da ciò che costituiva la disperazione del pensiero semplificante: il paradosso, l’antinomia, il circolo vizioso. Intravediamo la possibilità di trasformare i circoli viziosi in cicli virtuosi, che diventano riflessivi e generatori di un pensiero complesso. Da qui l’idea che regolerà la nostra partenza: non bisogna spezzare le nostre circolarità, bisogna al contrario prestare attenzione a non staccarsi da esse. Il cerchio sarà la nostra ruota, la nostra strada sarà a spirale.

(Edgar Morin, Il Metodo 1, La Natura della Natura)


Di seguito una breve presentazione dei Membri del Comitato Scientifico:

ALESSANDRO CRAVERA

CMSS - Alessandro Cravera

Partner di Newton Management Innovation (Gruppo Sole 24 Ore), docente di economia e gestione delle imprese presso ISIA Design Pordenone e di leadership e strategia aziendale presso L’Executive MBA e il Master HR organizzati dalla Business School de Il Sole 24 Ore. Come consulente si occupa di «Management Innovation» ovvero di ripensare l’organizzazione, la gestione e la strategia d’impresa in coerenza con le dinamiche evolutive dei sistemi complessi e di supportare le imprese nella loro evoluzione. Da questa attività nascono gli articoli «Back to Basics» che L’Impresa pubblica ogni mese a partire dal 2007. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

E’ autore di numerose pubblicazioni in Italia e all’estero, tra cui «Competere nella Complessità» (ETAS, 2008), «The negentropic role of redundancy in the processes of value creation and extraction and in the development of competitiveness» (E:CO Organization & Complexity, 2012) e «Guida ai classici del management nell’era della complessità» (Il Sole 24 Ore, 2012).

MARINELLA DE SIMONE

CMSS - Marinella De Simone

Presidente e Direttore Scientifico del Complexity Institute APS. Ideatrice e coordinatrice del Francisco Varela Project. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

La sua attività di ricerca, docenza e consulenza è focalizzata sulla analisi e sulla applicazione dei principi fondanti la teoria della complessità e l’etica nei processi di co-learning e di decision making che si sviluppano nelle organizzazioni sociali. Autrice di numerosi articoli e libri, tra cui: (co-autore Dario Simoncini): «Il Mago e il Matto. Sapere personale e conoscenza relazionale nella rete organizzativa» (McGraw-Hill, 2008), «Emerging Organization. L’emergenza dell’identità nell’organizzazione» (Maggioli, 2012); «Sistemi tra regolarità e novità. Immaginare nuovi modelli per il cambiamento organizzativo» (Maggioli 2012); “Capitano, Burocrate, Maestro o Regista? Un approccio complesso a quattro stili di leadership” (Guaraldi, 2014).

ALBERTO FELICE DE TONI

Alberto De Toni

Rettore dell’Università degli Studi di Udine. Professore Ordinario di Organizzazione della Produzione e di Gestione dei Sistemi Complessi. Autore di oltre 260 pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali. Le sue più importanti aree di ricerca sono: Operations Management, Innovation Management e Complexity Management. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

E’ stato Preside della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Udine, Presidente dell’Associazione Italiana di Ingegneria Gestionale e Presidente della Commissione Nazionale per il riordino dell’Istruzione Tecnica e Professionale. Le monografie più importanti: «Prede o ragni» (Utet, 2005); «Viaggio nella complessità» (Marsilio, 2007); «Il pianeta degli agenti» (Utet, 2009); «Visione evolutiva. Un viaggio tra uomini e organizzazioni, management strategico e complessità» (Etas, 2010); «Auto-organizzazioni. Il mistero dell’emergenza nei sistemi fisici, biologici e sociali» (Marsilio 2011); «Guida al Knowledge Management» (Il Sole 24 Ore, 2012); «Gestione della Produzione» (Isedi, 2013).

VALERIO ELETTI

CMSS - Valerio Eletti

Si occupa di reti e sistemi complessi; è Direttore Scientifico del “Complexity Education Project” dell’Università Sapienza di Roma e cura la collana “I Quaderni della complessità” della Guaraldi. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

Ha insegnato “Progettazione multimediale” ed “e-Learning” in varie università italiane e alla NSU di Miami (Usa) e ha svolto il ruolo di Direttore Editoriale al laboratorio LABeL della Sapienza di Roma. Ha svolto seminari in corsi di Dottorato, in università e centri di alta formazione come la Sapienza di Roma, l’Università Politecnica delle Marche, la Business School del Sole24Ore e la Scuola Iscom del Ministero dello Sviluppo Economico.

Sui temi delle reti e dei sistemi complessi ha scritto un pacchetto di nove lemmi per il “Dizionario dell’ICT e dei media digitali” della Enciclopedia Italiana Treccani, e ha pubblicato Complessità, cambiamento, comunicazioni, dai social network al Web 3.0” (Guaraldi, 2012), Ricominciamo da Internet? Viaggio nelle immense miniere dei dati digitali (Guaraldi, 2013) e numerosi saggi e articoli per riviste come “Riflessioni Sistemiche”, “Bricks”, “JeLKS” e “AgendaDigitale.eu”.

DONATA FABBRI

Complexity Institute - Donata Fabbri

Psicologa ed epistemologa, Donata Fabbri è nata a Modena ma vive ormai da più di 30 anni in Svizzera, dove attualmente è direttrice del CIPC (Centro Internazionale di Psicologia Culturale). Già professore di psicologia dell’educazione e della formazione presso la Facoltà di Psicologia e di Scienze dell’Educazione dell’Università di Ginevra, dal 1985 al 2005, dopo esserlo stata anche all’Università di Friburgo, dal 1985 al 1992.
Specializzata in psicologia genetica piagetiana, dal 1978 ha svolto la sua attività di insegnamento e di ricerca, presso il Dipartimento di Psicologia dell’Educazione, della Formazione e delle Risorse Umane dell’Università di Ginevra, interessandosi in particolare alle caratteristiche fondamentali dell’apprendimento, alle strategie e ai modelli cognitivi. Dal 1998 al 2005 ha fatto parte del comitato scientifico del Diploma di Studi Superiori in Psicologia e Risorse Umane organizzato dalle Università di Ginevra e di Neuchâtel. Dal 2004 assume con A. Munari la direzione scientifica della Civica Università di Toirano (SV).

E’ autrice di oltre 150 pubblicazioni, in diverse lingue. Tra queste ricordiamo: Strategie del sapere. Verso una psicologia culturale (con A. Munari), Dedalo, 1984 (nuova ed. Guerini 2005); La memoria della regina. Pensiero, complessità, formazione, Guerini, 1990 (nuova ed. 2004); Carte di identità. Per una psicologia culturale dell’individuo (con L.Formenti), Franco Angeli, 1991; Apprendere nelle organizzazioni. Proposte per la crescita cognitiva in età adulta, (con D.Demetrio e S.Gherardi), NIS 1994, (nuova ed. 1998, Carocci Editore); Narrare il conoscere. Appunti per una epistemologia della formazione. In C. Kaneklin & G. Scaratti: L’azione narrativa come formazione, Cortina, 1998; La dimensione parallela (con P.d’Alfonso), Erickson, 2003.

ALBERTO GANDOLFI

Complexity Institute - Alberto Gandolfi

Vive e lavora in Svizzera. Professore presso la University of Applied Science Lugano, imprenditore e consulente. Ha fondato nel 1996 la società di consulenza AFG Management Consulting, con sede nel Cantone Ticino. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

Ha pubblicato diversi libri, tra i quali: Formicai, Imperi, Cervelli. Introduzione alla scienza della complessità (Bollati Boringhieri, 1999, 2.ed. 2008); La Foresta delle decisioni. Come prendere decisioni migliori nella vita professionale e privata (Casagrande, 2004); Vincere la sfida della complessità. Come evitare le trappole decisionali nei sistemi organizzativi (Franco Angeli, 2008); Decidere nell’incertezza. Come affrontare un mondo sempre più complesso e imprevedibile (Casagrande, 2012).

PIER LUIGI LUISI

Complexity Institute - Pier Luigi Luisi

Laureato in Chimica presso la Scuola Normale di Pisa, ha lavorato inizialmente presso vari laboratori internazionali. Professore ordinario all’ETH (Istituto Federale di Tecnologia) di Zurigo, dove è stato per trent’anni professore di Chimica Macromolecolare e dove fonda l’Istituto per lo Studio dei Polimeri. La sua ricerca è ora centrata sull’uso di liposomi come modelli di cellule e più in generale su problemi riguardanti l’origine della vita. Nel 1985 ha fondato la Settimana Internazionale di Cortona “Science and the Wholeness of Life”, dedicata all’integrazione tra Discipline Scientifiche e Umanistiche.

Si interessa soprattutto di evoluzione prebiotica e meccanismi di formazione delle prime strutture vitali. Collabora con il Mind & Life Institute fondato dal Dalai Lama, Francisco Varela, Adam Engle. Attualmente è docente di Biologia Applicata all’Università di Roma3.

E’ autore di più di 400 pubblicazioni su riviste internazionali e di diverse monografie, tra cui: “Sull’origine della vita e della biodiversità (Mondadori, 2013); The Emergence of Life: From Chemical Origins to Synthetic Biology (Cambridge University Press, 2006); Vita e Natura. Una visione sistemica (con Friotjof Capra), (Aboca, 2014).

EDGAR MORIN

Edgar Morin

Edgar Morin ha dedicato gran parte della sua opera ai problemi di una “riforma del pensiero”, affrontando le questioni alla base delle sue riflessioni sull’umanità e sul mondo: la necessità di una nuova conoscenza che superi la separazione dei saperi presente nella nostra epoca e che sia capace di educare gli educatori ad un pensiero della complessità.

Morin sostiene che “la cultura, ormai, non solo è frammentata in parti staccate, ma anche spezzata in due blocchi”: da una parte la cultura umanistica “che affronta la riflessione sui fondamentali problemi umani, stimola la riflessione sul sapere e favorisce l’integrazione personale delle conoscenze”, dall’altra, la cultura scientifica che “separa i campi della conoscenza, suscita straordinarie scoperte, geniali teorie, ma non una riflessione sul destino umano e sul divenire della scienza stessa” (da Wikipedia)

Autore di numerosi libri, tra cui: La testa ben fatta. Riforma dell’insegnamento e riforma del pensiero (Raffaello Cortina, 2000); I sette saperi necessari all’educazione del futuro (Raffaello Cortina, 2001); Cultura e barbarie europee (Raffaello Cortina, 2006); La via. Per l’avvenire dell’umanità (Raffaello Cortina, 2012).

Vanno inoltre ricordati i sei volumi del “Metodo“: La natura della natura, (Raffaello Cortina, 2001); La vita della vita (Raffaello Cortina, 2004);  La conoscenza della conoscenza (Raffaello Cortina, 2007); Le idee: habitat, vita, organizzazione, usi e costumi (Raffaello Cortina, 2008);  L’identità umana (Raffaello Cortina, 2005); Etica (Raffaello Cortina, 2005).

ALBERTO MUNARI

Alberto Munari

Psicologo ed epistemologo, fu allievo e collaboratore diretto di Jean Piaget al Centro Internazionale di Epistemologia Genetica di Ginevra. Dal 1974 ha occupato la cattedra di Psicologia dell’Educazione presso la Facoltà di Psicologia e di Scienze dell’Educazione dell’Università di Ginevra, dove ha diretto il Dipartimento di Psicologia dell’Educazione, della Formazione e delle Risorse Umane. Dal 1998 al 2005 ha diretto il Diploma di Studi Superiori in Psicologia e Risorse Umane organizzato dalle Università di Ginevra e di Neuchâtel. Dal 2004 assume con D. Fabbri la direzione scientifica della Civica Università di Toirano (SV). Dal 2007 è Professore Ordinario all’università di Padova, Facoltà di scienze della formazione. Come esperto UNESCO ha contribuito alla riforma dell’insegnamento secondario in Costa d’Avorio (Africa).

Nel 1982 ha fondato a Ginevra, assieme a D. Fabbri, il Centro Internazionale di Psicologia Culturale, il cui scopo è di promuovere lo studio dei rapporti che gli individui sviluppano e intrattengono con il contesto culturale in seno al quale vivono e lavorano.
E’ autore o co-autore di oltre 140 pubblicazioni, sia scientifiche che di più vasta diffusione, in francese, inglese e italiano, tra le quali ricordiamo: Strategie del sapere. Verso una psicologia culturale (con D. Fabbri) Dedalo, 1984; Dopo Piaget: Aspetti teorici e prospettive per l’educazione (con M. Ceruti, D. Fabbri & al.) Ed. Lavoro, 1985; Il sapere ritrovato. Conoscenza, formazione, organizzazione, Guerini, 1993;  Educazione versus Formazione (con L.Galliani & al.), Ed. Scientifiche Italiane, 2003.

DARIO SIMONCINI

Complexity Institute - Dario Simoncini

Professore associato di ‘Organizzazione aziendale’ e di ‘Start-up e modelli organizzativi’ presso il Dipartimento di Economia Aziendale  (DEA) dell’Università D’Annunzio di Pescara. E’ docente della Complexity Management Business School del Complexity Institute.

E’ fondatore e Vice-Presidente del Complexity Institute per il quale svolge attività di Education & Training nell’area della Comunicazione e della Leadership Generativa in contesti ad elevata complessità. Si occupa, inoltre, di sviluppo delle competenze complesse in ambito manageriale. Autore di numerosi articoli e monografie. Tra le più recenti (co-autrice Marinella De Simone): «Il Mago e il Matto. Sapere personale e conoscenza relazionale nella rete organizzativa» (McGraw-Hill, 2008), «Emerging Organization. L’emergenza dell’identità nell’organizzazione» (Maggioli, 2012) e «Sistemi tra regolarità e novità» (Maggioli, 2012 );  “Capitano, Burocrate, Maestro o Regista? Un approccio complesso a quattro stili di leadership” (Guaraldi, 2014).

GIUSEPPE ZOLLO

Zollo - CM Literacy

Professore Ordinario di Gestione Aziendale presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale all’Università degli Studi di Napoli Federico II, già Direttore del Centro di Ateneo per la Comunicazione e l’Innovazione Organizzativa (COINOR) e coordinatore del dottorato internazionale in “Science and Technology Management”; è Presidente di Sviluppo Campania dal luglio 2014.

E’ autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche ed ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali.


per informazioni:
complex.institute@gmail.com
franciscovarelaproject@gmail.com

Cell. +39-327-3523432

 

%d bloggers like this: