Articolo su L’Impresa: “Così si vince la complessità”

[hr color=”orange” width=”3″ border_width=”3″ ]

Decision Making. Come prendere consapevolezza delle dinamiche tipiche dei sistemi complessi

E’ uscito su ‘L’Impresa’ n. 5 di Maggio 2013 un articolo dal titolo: “Così si vince la complessità”, a firma di: Alberto De Toni – Università di Udine, Alberto Gandolfi – Università di Lugano, Alessandro Cravera – Partner Newton (Gruppo Sole 24 Ore) – Milano, Dario Simoncini – Università di Chieti-Pescara, Marinella De Simone – Complexity Institute – Genova, Valerio Eletti – Complexity Education Project – Università Sapienza di Roma.

L’articolo inizia con un’affermazione che è anche una provocazione:

“I dati dimostrano che molte delle decisioni prese negli ultimi anni sia a livello macroeconomico sia a livello aziendale non hanno fatto altro che contribuire ad aggravare la situazione economica. Ecco perché”

e prosegue facendo un’analisi di come, specie in questi ultimi anni, la crisi sia stata particolarmente aggravata dall’incapacità sia degli economisti, a livello macro, che dei manager, a livello micro, di prendere decisioni che fossero adeguate al contesto che si stava delineando:

Cinque anni pressoché ininterrotti di crisi economica globale hanno creato un forte impoverimento dei cittadini, decimato imprese e settori industriali, aumentato le tensioni sociali e distrutto molte sicurezze. Hanno però anche messo al centro dell’attenzione la complessità e l’incertezza insite nell’ambiente economico attuale. Così come i modelli di risk management non hanno resistito alla prova del “Cigno Nero”, per usare un’espressione resa nota da Nassim Taleb, i sistemi previsionali e i processi di decision making normalmente adottati dal management sono stati fortemente messi in scacco dalla crisi. Economisti e manager vengono accusati non solo di non aver previsto il tracollo del sistema finanziario ed economico, ma anche di non aver saputo individuare azioni e risposte adeguate per uscire dalla recessione e far ripartire l’economia. Molte delle decisioni prese all’interno delle imprese o a livello macroeconomico hanno anzi contribuito ad aggravare dal punto di vista sistemico la difficile congiuntura economica.

L’articolo prosegue suggerendo di ripensare i processi di decision making divenendo consapevoli delle dinamiche tipiche dei sistemi complessi:

La parola chiave da cui partire per ripensare processi e modelli di decision making è proprio “connettività”. I mercati finanziari, le reti energetiche e di trasporto, le economie e i consumatori sono infatti oggi fortemente interconnessi e questo significa che gli attori economici, interagendo in misura crescente, generano complessità, ovverosia determinano l’entrata in scena di fenomeni emergenti, non lineari e imprevedibili. Se si vuole affrontare l’attuale incertezza sistemica è quindi particolarmente importante che economisti, manager e decisori prendano consapevolezza delle dinamiche tipiche dei sistemi complessi.

E prosegue facendo un’analisi dei possibili approcci corretti per governare la complessità

Ecco il link all’edizione sfogliabile online: http://www.limpresaonline.net/

[hr color=”orange” width=”3″ border_width=”3″ ]

per informazioni:
info@complexityinstitute.it

Cell. +39-327-3523432

[hr color=”orange” width=”3″ border_width=”3″ ]

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d bloggers like this: