Un possibile dibattito per l’etica

UN POSSIBILE DIBATTITO PER L’ETICA NELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

Dario Simoncini, Marinella De Simone

in: Etica- Economia – Società. Sistemi sociali ed economici in transizione. Edizioni Universitarie Romane, 2010

Etica-Economia-Società

 

A: Che cos’è per noi l’etica nelle organizzazioni complesse?’ Da dove incominceresti per inquadrare il problema?

B: La discussione fondamentale, secondo me, è cosa definiamo con ‘etica’; mi piacerebbe iniziare dalla distinzione fatta da Francisco Varela in un suo scritto tra etica intesa come know-how ed etica intesa come know-what; egli afferma che:

Si può dire che una persona saggia (o virtuosa) è quella che conosce ciò che è bene e lo mette spontaneamente in pratica. E’ questa immediatezza di percezione-azione che vogliamo esaminare…’

Questo approccio si pone in un’ottica differente rispetto alla più usuale definizione di etica intesa come analisi della componente riflessiva su ciò che debba intendersi ‘etico’ e che arriva coerentemente a verificare la razionalità dei principi morali adottati dall’individuo nei propri comportamenti.

Secondo Varela, la spontaneità del comportamento virtuoso è la modalità più comune di etica, e tuttavia essa non viene sufficientemente analizzata proprio in quanto mancante della componente riflessiva:

‘ Non dovremmo tralasciare la più diffusa modalità di comportamento etico solamente per il fatto che non è “riflessiva”. Perché non iniziare con ciò che è più comune e vedere dove questo ci conduce? Così stiamo sottolineando qui la differenza tra know-how e know-what, la differenza tra abilità o capacità di confronto immediato e conoscenza intenzionale o giudizi razionali.’

Si sottolinea in tal modo l’immediatezza della conoscenza del come rispetto alla conoscenza riflessiva del cosa.

A: Potresti fare un esempio concreto di etica intesa come know-how?

B: Certo; il classico esempio di know-how dell’etica è quando, mentre camminiamo immersi nei nostri pensieri per strada, vediamo improvvisamente una persona che inciampa e cade a terra; il nostro comportamento immediato è quello di soccorrerla, senza fermarci a riflettere su quale possa essere il comportamento eticamente più appropriato…

A: Ed un esempio di etica intesa come know-what?

B: L’etica come know-what rappresenta il momento riflessivo, quando ci chiediamo ad esempio se sia o meno corretto dire qualcosa a qualcuno (‘Faccio bene o male a dirle che lui la tradisce?’) o se approvare o meno l’entrata in guerra di un Paese per tutelare una parte della popolazione, e così via…

L’etica intesa come know-how riguarda il sapere come essere etico, mentre l’etica intesa come know-what riguarda il sapere cosa fare per essere etici. Nel primo caso il comportamento istintivo è l’immagine di ciò che siamo, mentre nel secondo caso il comportamento sarà l’immagine di ciò che forse dovremmo essere.

La conoscenza del come si è si incarna nella spontaneità dei comportamenti; l’attenta e ripetuta osservazione del come si è genera la consapevolezza dell’essere etico: la conoscenza del come si è diviene ‘coscienza consapevole’ del sé etico.

La conoscenza razionale del cosa fare per essere etici si matura attraverso una elaborazione riflessiva sulle possibilità di scelta tra diversi comportamenti da assumere, valutando di ognuno costi e benefici, vincoli ed opportunità.


Riferimenti bibliografici essenziali

Bateson G., Verso un’ecologia della mente, Ed. Adelphi, Milano, 1976

Bateson G., Mente e natura, Ed. Adelphi, Milano, 1984

Barabasi A. L., Link. La scienza delle reti, Ed. Einaudi, Torino, 2004

Bocchi G. e Ceruti M. (a cura di), La sfida della complessità, Ed. Bruno Mondadori, Milano, 2007

Bruni L. e Zamagni S., Econmia Civile, Ed. Il Mulino, Bologna, 2004

Capanna M., Coscienza globale, Ed. Baldini Castoldi Dalai, Milano, 2006

Cappuccio M. (a cura di), Neurofenomenologia, Ed. Bruno Mondadori, Milano, 2006

Ceruti M., L’evoluzione senza fondamenti, Ed. Laterza, Roma-Bari, 1995

Costa G. e Nacamulli R. (a cura di), Manuale di Organizzazione, Ed. Utet, Torino, 1997

Dawkins R., Il gene egoista, Ed. Mondadori, Milano, 1992

Grandori A, L’organizzazione delle attività economiche, Ed. Il Mulino, Bologna, 1995

Gould S.J., Otto piccoli porcellini, Ed. Il Saggiatiore, Milano, 2003

Laszlo E., Tu puoi cambiare il mondo, Ed. Riza, Milano, 2003

Latouche S., Come sopravvivere allo sviluppo, Ed. Bollati Boringhieri, Torino, 2005

Maturana H. e Varela F., Autopoiesi e cognizione, Ed. Marsilio, Venezia, 1985

Maturana H. e Varela F., L’albero della conoscenza, Ed. Garzanti, Milano, 1987

Mercurio R. e Testa F. (a cura di), Organizzazione, Ed. Giappichelli, Torino, 2000

Morin E., I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Ed. Raffaello Cortina, Milano, 2001

Morin E., Il metodo. Vol 5: L’Identità Umana, Ed. Raffaello Cortina, Milano, 2002

Morin E., Il Metodo. Vol.6: L’Etica, Ed. Raffaello Cortina, Milano, 2005

Normann R., Ridisegnare l’Impresa, Ed. Etas Libri, Milano, 2002

Padroni G., Aspetti della complessità e sensibilità postmoderna nelle dinamiche organizzative e del capitale umano, Ed. Giuffrè, Milano, 2007

Prigogine I. e Stengers I., La nuova alleanza, Ed. Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, 1999

Varela F., Un know-how per l’etica, Ed. Laterza, Roma-Bari, 1992

Varela F., Three Gestures of Becoming Aware, Conversation with Francisco Varela,

Claus Otto Scharmer, January 12, 2000, Paris, in: www.dialogonleadership.org

Simoncini D. e De Simone M., Il Mago e il Matto, Sapere personale e conoscenza relazionale

nella rete organizzativa, Ed. McGraw Hill, Milano, 2008

Von Foerster H., Sistemi che osservano, Ed. Astrolabio, Roma, 1987

Watzlawick P., Beavin H.J. e Jackson D., Pragmatica della comunicazione umana,

Ed. Astrolabio, Roma, 1971

Watzlawick P. (a cura di), La realtà inventata, Ed. Feltrinelli, Milano, 2006


per informazioni:
info@complexityinstitute.it
franciscovarelaproject@gmail.com

Cell. +39-327-3523432

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d bloggers like this: